top of page

Le prime immagini di Euclid: il confine sfolgorante dell’oscurità.

Il 7 novembre 2023 il telescopio spaziale ESA ha scattato le sue prime cinque immagini a colori del cosmo. Fino a quel momento non era mai stato possibile scattare foto dello spazio con un’alta qualità e in una zona così ampia di cielo; ma prima di proseguire facciamo chiarezza su cosa è Euclid, sulla sua storia e sul suo compito.

Euclid è un nuovissimo telescopio dell’ESA, lanciato nel 1 luglio 2023 con un costo di più di mezzo miliardo di euro e prodotto principalmente tra il Thales Alenia Space di Torino, dove venne fabbricato il satellite, e lo stabilimento di Tolosa Airbus Defence and Space, dove vennero fabbricati gli strumenti e il telescopio. Bisogna pensare che la costruzione cominciò nel 2013 e ci sono voluti ben 10 anni per lanciarlo e renderlo utile, più del tempo che il razzo New Horizons ci mise per raggiungere il lontano Plutone.

Il compito di Euclid è indagare su come la materia oscura e l’energia oscura abbiano dato al nostro Universo le sembianze che gli appartengono oggi.

Nei prossimi sei anni il satellite Euclid cercherà di dare una risposta al nostro quesito guardando anche a 10 milioni di anni luce di distanza; nel frattempo ci regalerà un sacco di immagini meravigliose e mozzafiato che ci possiamo aspettare date le sue prime anteprime di immagini meravigliose.


Articolo scritto da Amedeo Nicoletti








2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント


bottom of page